Stefano Arienti_FINESTRE MERIDIANE_Villa Croce, Genova

14 October, 2017

 

Stefano Arienti
FINESTRE MERIDIANE
Intersezioni con la collezione di Villa Croce
a cura di Anna Daneri e Francesca Serrati

Alla riapertura autunnale dell’attività espositiva, in occasione della Giornata del Contemporaneo, Villa Croce
presenta quest’anno un grande progetto dell’artista Stefano Arienti, Finestre Meridiane. Intersezioni con la
collezione di Villa Croce, che si svilupperà lungo le sale del piano nobile della villa, a partire dal grande scalone
d’ingresso. La mostra si costruisce come un dialogo tra un corpus di opere inedito dell’artista, le Meridiane,
realizzate a partire dal 2012, e una selezione delle opere della collezione del museo, che ne campioneranno
la sua storia.
Il titolo richiama la natura stessa del progetto espositivo: le circa ottanta opere di Stefano Arienti, carte e
intonaci dal formato invariato, nascono in stretta relazione con il sole e i suoi movimenti. Le Meridiane sono
disegnate con la luce, alla finestra di casa o dello studio, con una tecnica affinata negli anni dall’artista e che
lo vede tradurre direttamente, con il proprio corpo, le variazioni di luce attraverso il colore scelto di volta
in volta. La mostra è altresì un’apertura sulla collezione del museo, la cui architettura è scandita da grandi
finestre rivolte verso il mezzogiorno.
Non è la prima volta che l’artista viene attratto da una raccolta pubblica, ricordiamo il progetto del 2010
per i magazzini di Museion di Bolzano insieme a Massimo Bartolini, o l’allestimento delle raccolta di Palazzo Te
a Mantova. Nel caso di Villa Croce lo scambio si fa più diretto, coinvolgendo i suoi lavori, che saranno esposti
per la prima volta in quest’occasione.
La suggestione di partenza è quella delle quadrerie antiche, dove quadri e sculture venivano disposti secondo
un ordine non cronologico o di affinità stilistica, piuttosto inseguendo linee di gusto e cadenze estetiche;
così a Villa Croce come suggerisce Arienti “le opere si dispongono con molta libertà, senza rispettare criteri
museografici, ma favorendo il ritmo dell’attenzione e della scoperta”.

La selezione dalla raccolta del museo ricostruisce la storia della sua formazione nel corso di trent’anni, dalle primissime opere entrate a farne parte, come la grande tela di Enrico Paulucci o il corpus di foto di Cesar Domela e le tavole originali a fumetti di Hugo Pratt. Queste si intrecciano con i grandi nomi dell’astrattismo storico e delle ricerche percettiviste della collezione di Maria Cernuschi Ghiringhelli: Fontana, Licini, Munari, Reggiani, Soldati, vero cuore pulsante delle collezioni del museo; con i lavori provenienti dalla collezione del Lab, il Laboratorio della Bassa Lunigiana; con le donazioni degli artisti, spesso a seguito di mostre personali, e i lavori donati o acquistati da gallerie private, a testimoniare la grande vivacità culturale dell’ambiente genovese, in particolar modo durante gli anni Sessanta; fino a comprendere le ultime acquisizioni legate a interventi site-specific, come il pianoforte di Philip Corner, risultato di una atto performativo collettivo Fluxus, o il vibrante pannello di Marta dell’Angelo, concepito durante l’ultimo ciclo di direzione del museo di Ilaria Bonacossa.

15 ottobre 2017 — 14 gennaio 2018
Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, Genova

Per maggiori informazioni vi preghiamo di vistare il sito del Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce